Come costruire un alternatore eolico fai da te

In questo video potrete vedere brevemente come viene assemblato un generatore eolico fai da te, fatto completamente da zero.

I generatori eolici come il solare fanno parte delle energie pulite che permettono di produrre elettricità senza inquinare, i generatori eolici producono una corrente alternata (come quella che abbiamo in casa per intenderci), che varia a seconda del vento, e quindi del numero di giri del rotore.

L'eolico (sopprattutto quello fai da te) viene sfruttato maggiormente in zone dove il vento soffia tutto l'anno, magari in montagna per alimentare qualche piccola baita (illuminazione e piccoli carichi), il modo migliore di sfruttare questo generatore è collegarlo ad un accumulatore (batteria) che si ricarica quando c'è il vento, però in questo casa è utile anche un regolatore di carica  e un inverter, il regolatore di caricà come dice il nome servirà per regolare la carica della batteria e trasformare la tensione alternata in contnua e andrà collegato tra il generatore e la batteria, il regolatore a sua volta sarà collegato anche ad un inverter per rendere la tensione in uscita alternata e portarla a 230v.

Passiamo ora a vedere come è composto il generatore, per produrre corrente serve il conduttore e un campo magnetico, quindi filo di rame per avvolgimenti e calamite al neodimio (molto potenti), quando le calamite passano in prossimità della bobina creano una variazione del campo magnetico e perciò uno spostamento di elettroni sul conduttore perciò un passaggio di corrente elettrica, tanto più è forte il campo magnetico e maggiore corrente sarà prodotta, proporzionato al numero di spire dell'avvolgimento.

Questo alternatore è costruito a sandwiches, ovvero a strati, i 2 rotori con i magneti e al centro le bobine collegate appositamente tra loro, per tenere ferme le bobine si fa uno stampo in vetroresina facendo uscire l'inizio e la fine degli avvolgimenti per i collegamenti.

Quanti magneti e quante bobine? Allora, dipende da cosa volete fare, di solito un alternatore efficente come questo nel video è trifase, ovvero ha 6 fili che escono e la tensione varia in base al numero di giri, 3 fili si collegano tra loro o a stella o a triangolo in base al numero di giri che farà e quindi  diverso sarà il rendimento mentre gli altri 3 fili sono utilizzabili per fare andare il carico, ovviamente se il carico è monofase (una lampadina) la collegherete tra due fili e il terzo libero.

Torniamo a noi allora il rapporto tra il numero di magneti e le bobine è di 1,33 periodico, quindi come in video sono state utilizzate 12 calamite e 9 bobine, quindi ogni 3 bobine fanno una fase (quindi 3 bobine collegate insieme, e stessa cosa per le altre) attenzione le bobine a come sono collegate, devono essere disposte in modo preciso a un tot di gradi, quindi se abbiamo 9 bobine dovete fare 360° /9 quindi ogni 40° c'è una bobina.

Il collegamento deve essere con bobine simmetriche ogni 120° in questo modo quando il rotore girerà, un magnete passerà contemporaneamente sulla prima bobina, sulla 4 e sulla 7, così facendo la tensione generata in una bobina verrà sommata alla tensione delle altre 2 bobine aumentando così la tensione di uscita, e stesso discorso per le altre 6 bobine.

Attenzione a come le collegate e come sono posizionate, devono essere tutte avvolte nello stesso verso e collegate con la fine dell'avvolgimento e l'inizio dell'avvolgimento dopo e cosi via per 3 volte, altrimenti la tensione di uscita sarà minore o non funzionerà! 

Ovviamente per posizionare le calamite si farà allo stesso modo dividendo 360 /12 quindi ogni 30° una calamità 1 nord 1 sud, nord sud sempre così, ricordiamoci che di rotori ce ne sono 2 quindi serviranno 24 calamite, 2 rotori fatti uguali, però devono essere allineati e vicini allo statore, quindi quando il nord di una calamita del rotore destro, esempio deve essere allineata col sud di una calamita del rotore sinistro e così via per le altre calamite creando così un forte campo magnetico chiuso che girando produrrà una tensione elettrica (volt).

Autore fabiomotors
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!