La Torre Eiffel, Parigi - Disegno realistico

Piace disegnare? Occorrente per la riproduzione in video: tre matite, tra cui spicca Hardtmuth 1860 4B; un bel foglio di carta grande quanto basta; un righello per tracciare le linee prospettiche; un gommino, che non guasta mai. Non lasciare nulla al caso, ogni singolo particolare ha la sua importanza. Occhio ai fotogrammi, sfumare quando serve, alternare le matite e lasciar fare al righello la sua buona parte. Riempire gli spazi vuoti a dovere procedendo a linee dritte e regolari. Si parte dalla base e su sempre più in alto per questo disegno geometrico a tutta velocità.

Il risultato finale, nella minima cura dei particolari e delle ombre, sembra fin troppo realistico, quasi una fotografia, non della Torre di Babele ma dell'Eiffel di Francia, in una rapida ed efficace riproduzione in bianco e nero della torre francese, in prospettiva e chiaroscuri, riassunta alla velocità di tre minuti coincisi.

Su fino in cima e il gioco è fatto, in barba a mille ingegneri 'di astrofisica', progettisti e architetti tra i più quotati. Arte mancina firmata 'Behu. VM. 01.12.2012'. Tempo effettivo impiegato: 10 ore all'incirca. Materiali usati: penna nera, matita 3B e 6B, e carta da acquerello.

Con l'ambizione di divenire la torre più alta non solo nell'Europa ma nel mondo di allora, la Torre Eiffel in metallo fu costruita nel giro di due anni per essere aperta nel 1889 per fare da ingresso all'area espositiva dell'Esposizione universale di sei mesi che si tenne a Parigi in quell'anno a motivo del centenario della Rivoluzione francese. Alta oltre 300 metri, la struttura panoramica, che arriva a sfiorare i 1700 scalini, fu messa a punto dall'ingegnere francese Gustave Eiffel specializzato nella costruzione di strutture in ferro.

Autore eclidor
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!