Gennaro Troia - Streetart 3D

In questo video è protagonista l'arte di Gennaro Troia, artista di strada napoletano che ha fondato una scuola napoletana dei madonnari. Un'arte antica, originariamente legata argomento sacro ma oggi anche aperta a temi più profani. Nei corsi che tiene la sua associazione per le scuole, oltre agli aspetti puramente tecnici e artistici insegna anche un'etica di convivenza civile che impone per esempio di lasciare sempre la strada come la si è trovata: il dipinto viene realizzato sopra un supporto rimovibile, oppure viene cancellato con una bella secchiata d'acqua alla fine della 'rappresentazione'.

Intervistato, Gennaro ci racconta di quella canzone cantata da Enzo Jannacci dove un madonnaro se la prende con un poliziotto che gli calpesta il dipinto, questi per tutta riposta lo mette in prigione e lui si vendica disegnando un crocefisso in un uniforme sulla parete della propria cella, con lo stesso stivale al piede che aveva sfigurato il volto della sua Vergine.

Molto si potrebbe di Gennaro Troia e del suo mondo in tre dimensioni, evoluzione moderna sempre più rivolta alle prospettive forti, che ha in realtà origini a sua volta molto antiche anche se torna in voga oggi per via delle nuove tendenze nel cinema d'animazione. Gennaro c'insegna non solo un modo per fare arte, ma anche un codice deontologico per essere artisti, per vivere la creatività ogni giorno in sintonia con la vita dei luoghi in cui ci si esprime.
Autore caosAdmin
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!