Ricamo - Il punto gigliuccio

Nel ricamo esistono molti punti tradizionali ma il punto gigliuccio non è di questa categoria bensì dei punti retrò. Questo punto viene molto spesso utilizzato per decorare tutta la biancheria della casa, dato che è un ricamo davvero raffinato e prezioso. Questo punto, nasce per la prima volta nella scuola di ricamo nelle Marche, in cui veniva utilizzato nella decorazione delle lenzuola ma anche degli abiti bianchi in lino. Di fatti viene definito come ricamo in bianco in quanto la tecnica prevede l'utilizzo di un filo bianco su un tessuto dello stesso colore.

Per realizzare questo punto, soprattutto per chi lo deve ricreare per la prima volta è consigliabile utilizzare un tessuto in cotone o lino bianco ed eventuale filo dello stesso colore. 

Il punto gigliuccio richiede una tecnica molto complessa nella sfilacciatura, in cui dovrete iniziare togliendone uno per lasciarne quattro. Dopo aver completato questa fase, dovrete creare un punto quadro semplice in una parte della zona sfilata partendo da destra verso sinistra.

Risvoltate il tessuto e procedete fissando bene il primo filo e facendo di nuovo un punto quadro nella parte bassa del tessuto. Successivamente annodate le colonnine sempre da destra verso sinistra, le colonnine dovranno essere in gruppi di due. A questo punto, tirate bene il filo e create il punto nodino e posizionatelo a metà delle colonnine e soprattutto non deve scendere. Chiudete il tutto con un'asola, ora ripetete i seguenti passaggi per tutta la lunghezza o larghezza del vostro capo.

Autore Nova
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Debby Ricami. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!